Blog

Modena 2010, News »

Bianco Trebez 2006 di Dario Princic: il senso della parola “naturale”

17 mar 2010 | Nessun Commento

“Vogliamo che la parola esploda

nel discorso come una mina

e urli come il dolore di una ferita

e che sghignazzi come un Urra di vittoria.”

  (Vladimir Majakovskij)

Incontrare Dario Princic non è solo avvicinarsi ad un uomo o ad un vignaiolo, è entrare in un mondo declinato al presente, è vivere il momento con naturalezza e con la semplicità di chi pare aver scoperto il segreto della vita. Un uomo gentilissimo Dario che ti accoglie sempre con un sorriso sulle labbra e si mette in ascolto, curioso della gente, di ciò che stai per dirgli senza per forza spostare il discorso sul vino, un uomo che ha le idee chiare e che ama semplificare ciò che fa e che dice. Abbiamo avuto la fortuna di ospitarlo tra i produttori di Terre di Vite a Levizzano e io l’opportunità di incrociarlo nel cortile del Castello mentre, in un attimo di relax, fumava il suo amato sigaro e si godeva i primi caldi raggi di sole. Dario ha bisogno della natura così come la natura ha bisogno di lui, si capisce guardandolo, è solo, seduto sul muretto ma la sua serenità e il suo viso disteso mi portano a pensare a come si senta più a suo agio lì rispetto ai locali interni. Così, incuriosita da quest’uomo enigmatico e nello stesso tempo solare, mi avvicino e gli confido il mio apprezzamento per la sua produzione di vini, in particolare per il Bianco Trebez che ho avuto l’occasione di assaggiare in diverse annate e di percepirne le differenze. Dario mi ascolta, fuma e con tutta la calma del mondo mi dice: “Ti ringrazio, fa sempre piacere sentire apprezzato il frutto del proprio lavoro ma per me, la cosa importante è che il vino sia naturale, questo è quello che conta!”. Io memorizzo e annuisco, il discorso cambia immediatamente e ci mettiamo a parlare di politica e di come lui sia avverso a determinati meccanismi, ai centri di potere come le banche che lui volutamente non utilizza. Dei suoi vini non ne parlammo più, ci pensai dopo a questo strano aspetto e a distanza di giorni questa riflessione credo sia sedimentata in me dandomi la capacità e la lucidità di guardare oltre e di immergermi totalmente nelle sue poche ma determinanti parole.”La cosa importante è che il vino sia naturale, questo è quello che conta!” non dice “il mio vino” Dario, parla dei vini in generale ed ecco che il suo pensiero lascia la via del personale per abbracciare quella universale e ideologica del rispetto per la natura e dell’uomo che ne diventa consapevolmente interprete. Una responsabilità ancor prima che un processo di trasformazione, un idea che si trasforma nel rigore e nella cura del vigneto, un’espressione dove l’uomo diventa controllore delle fasi vitali della pianta e dove accompagna e affianca senza interferire anzi, lasciando la minor traccia possibile della sua presenza. Princic non corregge i suoi vini, non li educa, al contrario lascia che siamo le diversità a fare la differenza, il terreno è sempre riconoscibilissimo ma ogni anno il suo vino è diverso dall’anno precedente, sempre sorprendente, inafferrabile come lo sono i cicli naturali. Ricordo di aver assaggiato il Trebez 2004 che aveva avuto un’inaspettata rifermentazione, un difetto per molti produttori, non per Dario che lo presentò come caratteristica un po’ come un padre mostra un figlio biondo con i capelli ricci pur avendone avuto uno l’anno prima moro con i capelli lisci, diversi ma sempre figli dello stesso amore, dello stesso rispetto per l’ordinata casualità che la natura ci impone con i suoi ritmi. Il Bianco Trebez 2006 è un vino che non si dimentica, il colore arancio-rame brillante è il preludio di un naso fortemente agrumato che passa dal mandarino alla buccia d’arancia, sentori austeri che però si confondono tra di loro in un gioco di rimandi che ti sorprende ogni volta che il naso entra nel bicchiere. Le spezie orientali, il tè verde, il limone…Più si scalda il bicchiere più escono profumi di maggior complessità, quasi di torba. In bocca la mineralità è sorprendente, sapido e di una freschezza di beva che invita ad un altro sorso, il blend dei tre uvaggi è azzeccatissimo, Chardonnay-Pinot Grigio e Sauvignon- il vitigno più morbido bilancia egregiamente l’acidità che però rimane ben presente e il risultato al palato è quello di un vino che ha ancora una lunga storia da raccontare. Come tutti i vini che amo di più, sono difficili da descrivere, vanno bevuti e ascoltati, ognuno con il proprio palato e con il proprio cuore. (Barbara Brandoli) 

“Amavo profondamente le prime poesie di Majakovskij.
Sullo sfondo delle pagliacciate dell’epoca la sua serietà era grave, severa, dolente, era così insolita!
Era una poesia magistralmente scolpita, altera,
demoniaca e al tempo stesso terribilmente condannata,
agonizzante, quasi implorante soccorso.”
(Boris Pasternak)
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Blogplay
  • Add to favorites
  • BarraPunto
  • Netvibes
  • NewsVine
  • oknotizie
  • Twitter
  • Technorati
Nessun tag per questo post.

Lascia la tua risposta!

Aggiungi il tuo commento, o trackback dal tuo sito. Puoi subscribe to these comments via RSS.

Sii gentile. Rimani nel tema. No spam.

Questo blog utilizza Gravatar. Per avere un proprio avatar utilizzabile e riconosciuto in tutti i blog, per favore registrati a Gravatar.