Blog

Buronzo (Vc) 2010, News »

24 brani per ricordare la terza edizione di Terre di Vite (di Roberto Giuliani)

5 dic 2010 | Nessun Commento

Due giorni dove vino, arte e cultura hanno rappresentato il tema costitutivo di Terre di Vite, non solo convivendo nelle diverse sale del Castello di Buronzo, vicino Vercelli, ma anche fondendosi in un linguaggio dalle molteplici espressioni, che trova il punto di massima compenetrazione nel “totem multimediale”, frutto di un progetto denominato “Calici d’Arte”, nato dalla fervida fantasia di Barbara Brandoli, fondatrice fra l’altro dell’Associazione Culturale Divino Scrivere, ed Elena Conti, eccellente produttrice di Boca, ideatrici della manifestazione che il 13 e 14 novembre 2010 ha svolto la sua terza edizione.
Quando Barbara mi ha contattato per illustrarmi il progetto e chiedermi se ero interessato a fare alcuni incontri, durante i quali avremmo degustato un vino per ogni produttore presente a Terre di Vite, ben 24, e in base alle emozioni che questo ci avrebbe suscitato, avremmo abbinato ad esso una musica e, successivamente, una poesia, non mi sono lasciato pregare e ho aderito con entusiasmo. E’ stata un’esperienza bellissima e coinvolgente, centinaia di cd ascoltati, di infiniti generi musicali, gli abbinamenti non erano affatto facili, il vino è liquido, è colorato, si può toccare, percepirne i profumi e i sapori, è materia, inIl totem multimediale continuo mutamento; la musica, invece, coinvolge soprattutto l’udito, non è visibile ma genera visioni, immagini, stimola ricordi e fantasie, di conseguenza accende le nostre emozioni, che per ciascuno possono essere molto diverse. La musica, una volta incisa, non subisce mutamenti nella sua composizione, ma certamente può dare risultati diversi secondo l’ambiente in cui la si ascolta e gli strumenti con cui viene trasmessa.
Insomma le variabili sono sempre molte, i nostri stati d’animo possono renderci più distaccati o più coinvolti da certi brani piuttosto che da altri, il vino può non essere nella sua fase migliore, la temperatura può condizionarne la piacevolezza, esaltarne le spigolosità o viceversa attutirle. E’ stato necessario, quindi, dedicare a questo lavoro molte ore divise in più incontri, nel tentativo di dare vita ad un comune denominatore, ottenuto valutando i vini ma anche tenendo presente persone e luoghi dove questi sono stati generati, e fissare un momento preciso, durante il quale la musica scelta doveva rappresentare al meglio le caratteristiche e, in qualche modo, la storia che quei vini riportavano nel calice. La poesia, invece, è subentrata successivamente, arduo compito svolto egregiamente da Fabio Koryu Calabrò, artista poliedrico ed eccellente oratore, laureato in architettura, musicista, compositore, pittore, monaco buddista, che ha saputo interpretare magnificamente le poesie scelte in collaborazione con la casa editrice L’Arcolaio. La selezione delle 24 poesie di altrettanti poeti è avvenuta grazie alla collaborazione con l’editore Gianfranco Fabbri, che ha messo a disposizione le raccolte dei suoi autori. Le musiche e le poesie sono state consegnate a Fabio Calabrò che ha composto le tracce registrando le letture dei testi poetici con la propria interpretazione e con diverse impostazioni vocali sui brani musicali selezionati.
Il risultato, per chi non ha avuto la possibilità di venire all’evento o, comunque, non ha potuto ascoltare i brani registrati nei tre Ipod con cuffia predisposti sul totem, è ora disponibile nella sua totalità, trasferito su Youtube, con associata l’immagine del relativo produttore vinicolo. Per rendere tutto fruibile in un colpo solo, ho predisposto questa pagina in modo da avere la possibilità di scegliere quali brani ascoltare, magari con la fortuna di avere in casa qualcuno dei vini che abbiamo abbinato a musiche e poesie. Buon divertimento!

 

Clicca qui per ascoltare le 24 composizioni

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Blogplay
  • Add to favorites
  • BarraPunto
  • Netvibes
  • NewsVine
  • oknotizie
  • Twitter
  • Technorati
Nessun tag per questo post.

Lascia la tua risposta!

Aggiungi il tuo commento, o trackback dal tuo sito. Puoi subscribe to these comments via RSS.

Sii gentile. Rimani nel tema. No spam.

Questo blog utilizza Gravatar. Per avere un proprio avatar utilizzabile e riconosciuto in tutti i blog, per favore registrati a Gravatar.